L’INGANNO DELL’EUROPA DEI POPOLI di Goldfinger

6
229

ARTICOLO OOFERTO DA HYDRASHINE IMPRESA DI PULIZIE BRESCIA TEL. 339.1709051

Abbiamo sempre affermato che un’ Europa come quella in cui staremmo vivendo non sia una democrazia come vorrebbero farci credere ma sarebbe iniziato dall’entrata in scena della UE un sistema orwelliano di controllo totale. Una nuova dittatura si starebbe materializzando sull’Europa guidata da una proiezione futura, una dittatura avente una base atea e contro l’umanità ma con la falsa proiezione di una UE dei popoli, un sistema che pretenderebbe di ingannare la popolazione mondiale sdoganandosi per giusto, equo, protettivo e democratico. Secondo il filosofo e saggista francese Onfray, personaggio non certamente ben visto dalla stampa internazionale dato che generalmente sarebbe al servizio del sistema, proprio in questo periodo avrebbe accettato di farsi intervistare dal settimanale cattolico Famille Chretienne, la sezione francese di Famiglia Cristiana. Nell’intervista lo  spunto sarebbe stato offerto da un suo nuovo libro intitolato “Theorie de la Dictature”. Il titolo parla da solo e lascerebbe intravedere gli argomenti che lo scrittore avrebbe affrontato, un tema in cui il saggista elabora una teoria della dittatura prendendo spunto dal romanzo datato 1984 di George Orwell. Lo scrittore intravede nell’ odierno sistema il fatto che i cittadini europei di oggi sarebbero entrati in una nuova fase, la fase di società totalitaria al servizio della menzogna, un meccanismo creato per distruggere ogni libertà negando la verità e rifiutando la natura. Onfray nel proprio libro ripercorrerebbe la storia della dittatura, una storia dalle origini molto remote. In questo caso lo scrittore partirebbe dall’impero romano approdando in tempi più moderni con Robespierre ed arrivando fino ai tempi attuali ma mettendo in guardia i lettori affermando che non esisterebbero solamente dittature come quelle nere di Hitler o come quelle rosse altrettanto feroci di Stalin, Mao o Pol – Pot ma anche una nuova e più scientifica forma dittatoriale, un moderno diktat molto sofisticato che sarebbe possibile riassumere con uno schema ben definito in una serie di obbiettivi atti a distruggere ogni libertà e per arrivare a tale scopo sarebbe necessario riuscire ad ottenere un impoverimento linguistico, l’abolizione della verità, l’eliminazione del bagaglio storico e culturale dei popoli, traghettare la cittadinanza alla negazione della natura, alla diffusione dell’odio ed all’ aspirazione dell’impero. Tutte queste affermazioni non sono una novità per noi che in genere abbiamo sempre cercato di mettere in guardia i lettori descrivendo spesso nei nostri articoli queste preoccupazioni. Ogni obbiettivo descritto tuttavia sarebbe realizzabile passando per una serie di obbiettivi secondari che porterebbero alla distruzione della libertà ovvero una sorveglianza perenne e com’ è possibile vedere non è lontana, anzi molto vicina, ormai siamo coscienti di essere molto controllati e lo saremo sempre più in futuro. Per arrivare al raggiungimento dell’obbiettivo dittatoriale è necessario passare per la rovina della vita personale, la rimozione della solitudine, l’imposizione di feste obbligatorie, un’ opinione uniformata e cercare di denunciare il crimine di pensiero. Per arrivare all’ impoverimento
linguistico il mondo dovrà passare attraverso l’imposizione di una lingua nuova, la distruzione delle parole e l’abitudine ad un linguaggio ambiguo con una susseguente soppressione dei classici. Per il raggiungimento dell’obbiettivo di abolizione della verità sarebbe necessario la strumentalizzazione della stampa la divulgazione di notizie false ed ambigue oltre che produrre una verità, una verità ovviamente molto lontana da quella classica, da quella vera. Una della critiche del saggista è mirata alla fecondazione artificiale uno dei mezzi che egli sostiene serva per la negazione della natura mentre per poter arrivare sempre più vicini all’impero sarebbe necessario l’indottrinamento delle giovani generazioni, iniziando dai bambini (Hitler fu un esperto in questo campo). Sempre secondo l’autore del libro esisterebbe una differenza fra la dittatura nazista e quella odierna ovvero la prima avrebbe avuto lo scopo di coercizione dei corpi mentre l’attuale più pericolosa avrebbe come scopo la distruzione delle anime permettendo di lasciare in vita i corpi, anzi regalando alla carne tutto quello che desiderasse.Onfray non risparmia le dovute critiche neppure al gender affermando che questa teoria abbia l’obbiettivo di condurre una guerra “senza prigionieri”, una guerra totale contro la natura con lo scopo di rendere tutto artificiale relegando tutto a divenire un oggetto, una cosa, un artificio, un prodotto un valore di mercato per spianare la strada ad un capitalismo integrale nel quale tutto sarà prodotto e di conseguenza venduto. A detta del filosofo la teoria del gender altro non sarebbe che una delle prime basi, la pietra miliare di questa “prigione planetaria” che sarebbe proiettata per la preparazione del transumano, l’obbiettivo distorto ed ultimo del capitalismo che oggi imporrebbe le proprie scelte al mondo portando ad una propria affermazione totale ed irreversibile. Per quanto concerne invece la fecondazione artificiale il saggista spiega che essa sarebbe a sua opinione parte integrante del voluto processo di artificializzazione della realtà, una teoria che negherebbe la natura disprezzandone ogni sua forma, stessa cosa per le iniezioni e cure ormonali a quei soggetti desiderosi di cambiare sesso. L’odio per la natura e la dichiarazione di “guerra ad essa” altro non sarebbe che un avanzamento dell’obbiettivo transumanista. Secondo il filosofo per poter opporre resistenza a questo sistema è sempre più necessario arrivare a comprendere che non è possibile privare il bambino dei punti di riferimento naturali a cui ha diritto come papà e mamma e non due padri o due madri.

 

Goldfinger
Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta piuttosto controverso nelle opinioni, diciamo che in genere è “ fuori dal coro”, fuori dagli schemi tradizionali

6 COMMENTS

  1. Google

    Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated data, nonetheless seriously worth taking a look, whoa did a single learn about Mid East has got additional problerms at the same time.

  2. I loved as much as you’ll receive carried out right here.
    The sketch is attractive, your authored material stylish.

    nonetheless, you command get got an nervousness over that you wish be delivering the following.
    unwell unquestionably come further formerly again since exactly the same nearly very often inside case you shield this hike.

  3. Heya this is kind of of off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML.
    I’m starting a blog soon but have no coding know-how so I wanted to get guidance
    from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

  4. Hello there! I could have sworn I’ve been to this site before but
    after browsing through some of the posts I realized it’s new to me.
    Regardless, I’m certainly happy I discovered it and I’ll be bookmarking it and checking back frequently!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here