IL GUERRIERO di Goldfinger

0
264

ARTICOLO OFFERTO DA IMPRESA DI PULIZIE THE CLEAN MONTICHIARI (BS) TEL 338. 8276309

Personalmente penso che al mondo esistano personaggi scomodi e personaggi comodi. In genere quelli comodi sono quelli che non fanno assolutamente nulla per cambiare il “gioco”, per cambiare il destino del mondo,  in genere non fanno nulla per mettersi in gioco nel bene andando magari anche contro le potenti lobby che dominano (e non sempre nel bene) il mondo intero, iniziando dal Nuovo Ordine Mondiale, che le riassumerebbe tutte. Generalmente questi personaggi per così dire “comodi” sono in genere piuttosto amati da quella parte di mondo, da quella frangia di cittadini che non si chiedono profondamente i motivi delle cose, da quella parte di cittadini che sempre a mia opinione, vivono in una sorta di falso mondo dorato nel quale non esiste in genere alcun ragionamento profondo ma esiste generalmente il sistema del “non mi scomodare e continua a vivere”. Oggi in genere siamo di fronte a mio parere al tentativo di cercare (da parte dei leader politici del mondo) di compiacere i cittadini  sotto ogni aspetto mediando fra essi ed le lobby cercando di dare un “colpo al cerchio” ed un “colpo alla botte” infischiandosene però di ciò che è bene e ciò che è male quindi alzando il tasso di immoralità, abituando tutti a passare sopra tutto, ubriacando di vizi i singoli individui, questo almeno è il messaggio che secondo me viene divulgato “chi è più furbo gode”. Questa è la politica, la capacità di mediare sempre, anche su argomenti molto delicati, anche sui valori non negoziabili. Possiamo dire che per la troppa politica oggi il mondo starebbe vivendo una sorte di catastrofe morale e di conseguenza anche economica e questo per il modo di fare troppo politico di molti capi di governo, tuttavia esiste ancora qualcuno che in questo caso non è poi così mediatore e quando ritenesse che una cosa fosse giusta sempre secondo i propri principi morali ed il bene del proprio paese, si mette in azione ed attua i suoi progetti nel bene e nel male, anche rischiando di scontentare qualcuno, di tirarsi addosso non certo complimenti da una certa frangia potente dell’economia speculatrice o della società a mio parere viziata, d’altronde un buon “padre di famiglia” non sempre è compreso al momento in cui vieta qualcosa ai propri figli, magari risulta essere compreso a posteriori quando i risultati delle proprie scelte sono ormai chiari ed hanno portato ai risultati sperati. E’ il caso di Donald Trump che da imprenditore a mia opinione avrebbe capito che esiste una congiunzione, un sottile filo che unisce economia alla salute morale di un popolo, anche del suo, il popolo degli Stati Uniti d’America, gli abitanti di uno dei continenti occidentali più potenti del pianeta. Perché sostengo queste teoria? Per il fatto che il Presidente americano non è nuovo alla promozione di leggi cristiane leggi che da sempre guidano la società del pianeta terra comunque sia su una linea di sviluppo che di pace. The Donald avrebbe deciso di azzerare i fondi federali per la sperimentazione medica sui feti umani che in passato era regolarmente finanziata dalle amministrazioni precedenti in questo caso sia repubblicane che democratiche, tuttavia il  coraggioso Presidente resta indipendente pertanto mette in atto la politica che a suo parere è necessaria per gli USA. In base ad un nuovo provvedimento in accordo con il segretario della salute Alex Azar tutti i programmi governativi atti alla ricerca per i quali entrerebbero in “ballo” tessuti prelevati da feti umani abortiti sono stati interrotti. Negli ultimi anni questi programmi avrebbero avuto lo scopo di ricercare nuove terapie contro hiv, rosolia e rabbia. L’effetto di questo provvedimento si farà sentire a breve e per quanto riguarda le ricerche dovranno cambiare strada, viaggiando su percorsi nuovi in cui non venga utilizzato “materiale non umano” ma esempio frammenti di tessuto animale, cellule staminali ricreate il laboratorio. Lo scoglio ora saranno gli enti privati che non ricevendo finanziamenti dallo stato potranno proseguire sulla vecchia strada. Cosa avrebbe spinto Trump ad un provvedimento del genere? Stando alla news il Presidente avrebbe agito in difesa della dignità delle persone dal concepimento alla loro fine naturale. In effetti è a mio parere un’ offesa ridurre l’uomo o comunque un suo feto ad una sorta di “cava di organi”, ad un oggetto utile per altri scopi che non siano quello delle nuove vite. Questo modo di agire altro non porta che ad una divulgazione dell’aborto legale, la pratica dell’ infanticidio che mieterebbe milioni di vittime all’anno perdipiù in paesi a nascita zero, stati che al contrario di figli ne avrebbero realmente la necessità per poter proseguire ed avere un futuro. Un Presidente davvero coerente quindi che fin dall’ inizio del suo insediamento si sarebbe proclamato come difensore della vita e della sacralità umana e che pertanto non avrebbe tardato a promuovere leggi contro la “cultura della morte” molto cara invece alle precedenti amministrazioni. Possiamo dire che lo smembramento dei feti a scopo di ricerca sia la scelta più facile e soprattutto la più inutile, meno necessaria dato che esistono sistemi alternativi per poter proseguire le ricerche restando nel rispetto della vita umana, tuttavia queste pratiche alternative non appartengono alla cultura “della morte” pertanto le scelte pro life non vengono in genere promosse dato che il pensiero predominante dettato dagli architetti del NWO è proprio la cultura della morte: aborti legali, eutanasia, feti d utilizzare come cave di organi, distruzione delle famiglie e tant’ altro oltre che i tanti interessi che ruotano attorno a queste pratiche. Naturalmente c’è stato anche qualcuno che ha criticato la scelta di Trump ma il Presidente tira dritto come usa in genere fare, lasciando a mio parere una traccia di se molto positiva, un’ impronta che dovrebbe essere imitata anche dai politici di altri stati del mondo veramente civile. Personalmente penso che l’uomo abbia oggi la necessità di scontrarsi con scelte importanti, scomode ma importanti,  penso che abbia bisogno di riflessione, di fermarsi un attimo a riflettere ed iniziare a rispettare, valorizzare maggiormente la propria razza: la razza umana. Solamente rispettando se stessi gli uomini potranno iniziare ad aver maggior rispetto per la natura e per l’habitat in cui vivono e quindi iniziare ad agire secondo una visione differente oltre che una politica davvero diversa.

 

 

Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta abbastanza controverso nelle opinioni diciamo che in genere è “ fuori dal coro”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here