INTRIGO INTERNAZIONALE di Goldfinger

3
213

ARTICOLO OFFERTO DA THE CLEAN IMPRESA DI PULIZIE MONTICHIARI BRESCIA TEL 338.8276309 info@theclean.it

Il caso di Emanuela Orlandi ormai è degno di un’ avvincente film di spionaggio. Dopo aver aperto alcune tombe senza alcun risultato nel cimitero teutonico ecco tornare a parlare Alì Agca il misterioso personaggio appartenuto ai “Lupi Grigi”. L’enigmatico personaggio che attentò alla vita di Giovanni Paolo II torna a parlare del caso Emanuela Orlandi dicendo che dopo trentasei anni, la ragazza sarebbe ancora viva e starebbe bene. Non è la prima volta che il particolare personaggio parlerebbe del caso Orlandi ma nonostante tutto nulla per il momento sarebbe venuto allo scoperto, tanto che la famiglia della ragazza starebbe ancora cercando di capire qualcosa di più sulla sparizione della figlia, una sparizione che avvenne in un momento molto delicato per il pontificato di Giovanni Paolo II e per la stessa chiesa cattolica che anche in quegli anni navigava in acque piuttosto turbolente. Le parole dell’ex lupo grigio scagionerebbero una volta per tutte il Vaticano dato che Agca affermerebbe che per quanto riguarda il caso Orlandi il Vaticano non dovrebbe avere nulla a che fare piuttosto, sosterrebbe l’ex lupo grigio, la ragazza sarebbe stata sequestrata dai servizi segreti militari degli Stati Uniti: la CIA, che la rapì per un intrigo internazionale legato al terzo segreto di Fatima. Perché quindi la CIA avrebbe rapito Emanuela Orlandi? Sempre che le parole dell’ex attentatore del Papa fossero attendibili…. Agca avrebbe scritto una lettera contenente queste affermazioni dicendo che il Vaticano sarebbe quindi lontano dalla conoscenza della verità sul rapimento della Orlandi mentre la CIA dovrebbe rivelare i propri documenti legati al rapimento. Agca sarebbe un personaggio attendibile? Vediamo ora di conoscerlo meglio. L’uomo che sparò al Santo Padre negli anni ’80 legato al gruppo dei “lupi grigi” sembra fosse legato alla questione del rapimento da alcune telefonate di un secondo e misterioso personaggio conosciuto come l’americano, un soggetto dall’ accento straniero che nei primi giorni della sparizione della cittadina vaticana avvenuta nel 1983 chiamò la segreteria del lo stato più piccolo del mondo richiedendo di poter liberare Agca in cambio di Emanuela Orlandi. In pratica “l’americano” avrebbe avuto, stando alle telefonate, l’intenzione di usare la Orlandi come scambio per Agca allora prigioniero. Era il 5 luglio del 1983 e lo strano personaggio dichiarò che l’attentatore avrebbe dovuto essere rimesso in libertà entro il 20 dello stesso mese. Naturalmente gli investigatori avrebbero svolto le necessarie indagini in merito “all’ americano” ed alla richiesta dello stesso ma a quanto pare il famoso americano sarebbe stato classificato come un bugiardo. Agca che per l’attentato al Papa venne incarcerato  venne estradato in Turchia ove venne recluso e successivamente scarcerato il 18 gennaio del 2010 dopo aver scontato la pena prevista dalla legge. Fu proprio il giorno della sua scarcerazione che l’ex lupo grigio ebbe un incontro con il fratello della Orlandi al quale confermò quanto scritto nella recente lettera ovvero che la ragazza ex cittadina vaticana che venne rapita appena quindicenne, sarebbe viva ed in salute. Emanuela Orlandi era la figlia di un dipendente vaticano, un messo pontificio di Papa Woityla e dal momento del sequestro non esisterebbero prove dell’ esistenza in vita della ragazza eccetto appunto le affermazioni di Agca. Stando a quanto affermato se l’attentatore del Santo Padre avesse veramente le prove dell’ esistenza in vita della Orlandi mi chiedo il motivo per il quale non spieghi qualcosa di più sul sequestro di Emanuela e sui motivi che spinsero qualcuno a rapire la ragazza, mettendo in luce un mistero che prosegue ormai da troppi anni. Non mi spiego per altro il fatto che l’ex Lupo grigio se fosse veramente a conoscenza del fatto che la Orlandi fosse in vita non dica magari dove si possa trovare od almeno non riesca a fornire prove eloquenti su quanto affermi. Ormai dopo tanti anni nonostante gli sforzi della famiglia Orlandi penso che il caso resti comunque avvolto nel mistero e che ormai sia molto difficile sbrogliare la “matassa” di una situazione che sembrerebbe davvero intricata, una sorta di intrigo internazionale fra il Vaticano ed una serie di situazioni molto particolari con un intreccio di denaro, transazioni bancarie e poteri forti. Ricordo che quegli anni furono anni molto particolari per la chiesa e per lo stesso Vaticano. Furono gli anni del crack del banco Ambrosiano, furono gli anni delle sovvenzioni per far cadere l’impero comunista dell’ex URSS in un intreccio di denaro, malavita e massoneria, servizi segreti nell’ intento fra l’altro di affossare la chiesa? Il caso Emanuela Orlandi potrebbe essere legato a tutto questo? Il rapimento servì per ricattare il Santo Padre? Nessuno può conoscere la verità sul misterioso caso di Emanuela Orlandi, tutto rimane racchiuso nel più fitto mistero, almeno per il momento. Pubblicheremo per terminare uno spezzone della lettera che Calvi inviò al Santo Padre alcuni giorni prima di essere trovato impiccato a Londra sotto il ponte dei Frati Neri con dei mattoni nelle tasche:

“……Santità, sono stato io ad addossarmi il pesante fardello degli errori nonchè delle colpe commesse dagli attuali e precedenti rappresentanti dello Ior, comprese le malefatte di Sindona, di cui ancora ne subisco le conseguenze,  sono stato io che  su preciso incarico di Suoi autorevoli rappresentanti, ho disposto cospicui finanziamenti in favore di molti paesi e associazioni politico-religiose dell’Est dell’Ovest; sono stato io che  di concerto con le autorità vaticane, ho coordinato in tutto il Centro-Sud America la creazione di numerose entità bancarie, soprattutto allo scopo di contrastare la penetrazione e l’espandersi di ideologie filomarkiste; e sono stato io, infine, che oggi vengo tradito e abbandonato proprio da queste stesse autorità a cui ho rivolto sempre il Massimo rispetto e obbedienza”.

 

admin
Author: admin

Nicola Migliorini alias ADMIN è Direttore del blog WWW.MONDOOGGI.COM decide cosa e quando pubblicare, è un giornalista con incarico a 360 gradi

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here