FRANCIA: L’ODIO VERSO CRISTO di Goldfinger

0
112

“Chi è senza peccato scagli la prima pietra!” In questo modo si espresse Gesù, fondatore del cristianesimo e figlio di Dio, quando i farisei gli sottoposero il caso dell’adultera cercando di incastrarlo. Di conseguenza arrivò la risposta: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra!” Oggi siamo tutti consapevoli di essere peccatori tuttavia le accuse verso gli altri (soprattutto da parte della Francia verso l’Italia) si sprecano quando si vuole giudicare, proteggere i propri subdoli interessi e via dicendo. Tante sono state le Cassandre inascoltate che parlarono descrivendo un futuro clima di forte cristiano – fobia, un sistema a mia opinione molto aggressivo in Francia e che si irraggia purtroppo nell’intera Europa, un sistema voluto evidentemente da qualcuno che agirebbe dal nascondimento ma anche dai complici inconsapevoli del sistema laicista (tipico della Francia) coadiuvati da quei cristiani che di cristiano non hanno proprio nulla, dato che sono oggi incapaci a mia opinione di testimoniare e quindi di cercare di imitare Cristo nella propria vita. Le sacre scritture parlano chiaro in merito all’apostasia degli ultimi tempi, una deformazione che creerà un tale clima da aprire le porte all’anticristo che susseguentemente dominerà il mondo (prima dell’arrivo del Salvatore) per un certo lasso di tempo, dapprima mettendo tutto a posto ma poi svelandosi nella propria ferocia. Stiamo vivendo gli ultimi tempi, tempi di conversione e questo non dobbiamo scordarlo, anzi dovremmo essere molto coscienti sul periodo che stiamo vivendo e passare all’ attacco cercando di guadagnare la fede, questo solamente potrà essere il nostro tesoro, un tesoro che neppure la tignola ne i parassiti di vario genere possono erodere, la chiave d’oro che farà certamente in modo che la porta del Regno dei Cieli si apra per noi, dopotutto sappiamo di non essere eterni ma solo di passaggio sulla Terra pertanto, a cosa costa credere disse un tale? Se qualcosa esisterà ed avremo creduto guadagneremo l’eternità, se alla fine non esisterà nulla… allora non avremo perso nulla, tuttavia Cristo parlò chiaramente di un certo regno dei Cieli quindi penso valga la pena credere. Parlo in questi termini per un semplice motivo, dalle news di questi giorni appare chiaro che la cristiano – fobia sia in aumento in Europa, con una particolare ferocia in Francia si, proprio in quella Francia di Macron, quella che vorrebbe dare lezioni all’Italia su tanti temi ultimo in fatto di immigrazione, quella che spesso alzerebbe la voce cercando di dare lezioni di civiltà proprio a noi italiani. Gli altezzosi francesi in pratica avrebbero in casa una cristiano – fobia ormai dilagante, un sintomo a mio parere di grande inciviltà. Oggi la Francia è alle prese con Vandalismi di vario genere, incendi dolosi, furti, profanazioni attacchi di varie tipologie sarebbero sempre più frequenti nelle chiese dei cugini francesi e finalmente, i media della laica Francia inizierebbero ad aprire dibattiti sui motivi di questi attacchi, d’altronde quando è troppo è troppo. A quanto sembra si cercherebbe fare un’analisi, di capire chi possano essere i colpevoli di tali atti ma anche quali siano le comunità soprattutto quelle più colpite della frangia cattolica. Si cercherebbe di capire per altro cosa rappresenti questo crescere di cristiano – fobia nella cultura francese a scapito del cristianesimo locale, ricordiamo che la Francia fu una nazione molto cattolica. Gli attacchi alle chiese cattoliche sarebbero addirittura quadruplicati negli ultimi undici anni. Secondo un dato recentemente divulgato ci sarebbero stati ben 228 episodi violenti di cristiano – fobia fra gennaio e marzo di quest’anno. Stando a quanto avrebbe riferito la polizia francese sarebbero avvenuti ben 129 furti seguiti da 877 atti vandalici a scapito degli ambienti cattolici per la maggior parte luoghi consacrati come cimiteri e chiese. Questi dati negativi avrebbero portato la Francia a conquistare il pessimo titolo di primo paese europeo con più attacchi anticristiani in UE stato nel quale la cristiano – fobia è in potenziale aumento un po’ in tutto il territorio a mia opinione. Confermerebbe questa gravissima tendenza l’Observatory on intolerance and discrimination against christians in Europe. In attesa di una presa di posizione in merito alla fobia contro i cristiani da parte di Monsignor Éric de Moulins-Beaufort, teologo dell’Unversità di Reims e Presidente della Conferenza Episcopale Francese a dire il vero il predecessore già tempo prima si accorse della tendenza pericolosa che la Francia stava “partorendo”. Oggi siamo di fronte ad un paradosso: il primo prelato sarebbe allineato alla tendenza dell’esaltazione degli islamici come persone pie, all’ inaugurazione delle Moschee, alla critica verso i cattolici mentre il predecessore Mons. Georges Pontier attuale arcivescovo di Marsiglia spiegò al media Le Point il fatto di non voler “sviluppare un discorso legato alla persecuzione” in quanto a suo dire i cattolici “non desiderano lamentarsi” pertanto limitò e minimizzò gli attacchi nonostante i dati confermino una tendenza più ampia e molto grave. Un giornalista americano scrisse che gli attacchi contro il cristianesimo spazierebbero dalle grandi città metropolitane francesi ai piccoli centri urbani, pertanto le comunità cristiane sarebbero costrette a sentirsi vulnerabili. L’ex corrispondente del NY Times riportò le parole del politico francese Henri Lemoigne quando parlò di costernazione in merito ad un triste evento ai danni della profanazione del Corpo di Cristo scaraventato sul pavimento della chiesa con tutto il contenuto del Tabernacolo. Oggi i francesi cattolici sentono la propria vita in pericolo ed i propri  valori sono sotto attacco e non è una sensazione, ricordate il caso del parroco ucciso tre anni or sono da due uomini di fede islamica fedeli al califfato nero mentre celebrava la messa in un paese della Normandia? Quello che sorprenderebbe gli analisti stranieri sarebbe il fatto di vedere una chiesa francese che si ostinerebbe a minimizzare gli eventi anticristiani e qui vorrei esprimere anche una mia opinione: purtroppo la tendenza non è solamente della chiesa francese ma la linea alla minimizzazione prenderebbe un po’ tutta la chiesa cattolica in generale. Possiamo dire che l’incidente di Notre Dame quando prese fuoco abbia in un certo senso forse risvegliato le coscienze, aperto per qualche secondo gli occhi voltando i riflettori sul mondo della cristiano – fobia che oggi nella laica Francia corre senza freni portando la nazione verso il precipizio, forse il piano di Cristo potrebbe essere stato anche quello, utilizzare l’incendio della famosa e splendida cattedrale gotica per cercare di risvegliare l’ Europa affinchè possa chiedersi: Dove stiamo arrivando? Penso che questo possa essere possibile, sappiamo che i piani di Dio non sono i nostri piani ed i suoi pensieri non sono i nostri pensieri. Perché la Francia sarebbe così colpita da questa terribile piaga? Probabilmente perché reca in se una fede ormai troppo debole, troppo lanciata verso un laicismo di massa ormai incarnato nella stessa società, pertanto la chiesa Transalpina sarebbe da considerarsi un bersaglio debole oltre che molto facile. Secondo il ministero degli Interni ci sarebbero già stati più di 500 attacchi lo scorso anno contro siti e simboli ebraici ma in questo caso ben pubblicizzati sui media, sappiamo che gli ebrei non sono morbidi come i cattolici nella denuncia dei fatti incresciosi che li riguardano e non temono nessuno. Uno dei motivi principali per i quali la chiesa ed il Governo francese adotterebbero una linea morbida contro la cristiano – fobia sembra invece possa essere il timore, la paura di alimentare una controtendenza, l’islam – fobia, una reazione a cui il Governo d’oltralpe e neppure a quanto pare la chiesa cattolica penso intenderebbero arrivare. Possiamo quindi affermare che il cristianesimo stia passando veramente un brutto periodo e la barca di pietro stia navigando veramente in acque molto turbolente e pericolose e credo che il futuro non sarà certamente migliore, tuttavia come disse la Madonna a Medjugorje, la chiesa di Cristo è indistruttibile quindi cristiano – fobia o meno, attacchi satanici o meno, sono certo che Cristo e la sua chiesa vinceranno la battaglia finale.

Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta abbastanza controverso nelle opinioni diciamo che in genere è “ fuori dal coro”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here