POLITICHE UE ANTI FAMIGLIA? di Goldfinger

0
126

Risultati non da poco conto per quanto riguarda l’Ungheria di Voktor Orban, risultati in totale controtendenza con quanto vorrebbe imporre il Nuovo Ordine Mondiale per poter dare una ragione alla globalizzazione forzata messa in atto già da un po’ di tempo in alcuni paesi europei primo fra tutti l’Italia. Stando ai dati OCSE l’Ungheria sarebbe contro ogni tendenza nel blocco dei paesi Ue per quanto riguarda la nascita dei giovani cittadini ungheresi ma soprattutto per quello che è stato il “turbo” che ha fatto mettere le ali alle nuove nascite. Gli ungheresi hanno saggiamente pensato di investire sull’unica realtà redditizia nel lungo termine: la famiglia, varando sostanziosi  sostegni alle famiglie voluti dalla leadership dell’attuale Governo di Orban. I dati dell’ Ungheria sovranista sono assolutamente positivi nel campo degli aiuti alle famiglie. Dal 2010 i matrimoni sarebbero aumentati nientemeno che del 42 per cento con un tasso di fertilità del 21 per cento e questa positiva tendenza sarebbe dovuta in particolar modo alle politiche sovraniste di Orban, politiche che fra l’altro sarebbero state in grado anche di contrastare i numerosi casi di aborto che oggi si attesterebbe ai minimi storici  anche se da quanto sostenuto dagli ungheresi sarebbe ancora piuttosto elevato. La giovane ministro ungherese deputata alle politiche pro family ha ricordato durante una conferenza internazionale, alla presenza di giornalisti cristiani tenutasi nella capitale ungherese, che i risultati ottenuti nel paese appartenente al blocco di Visegred non sarebbero avvenuti per caso ma il tutto sarebbe il risultato di molto lavoro e delle iniziative del governo popolare di Viktor Orban che sarebbe stato in grado di rovesciare la tendenza delle politiche anti-famiglia portate avanti dai Governi precedenti appartenenti  alla sinistra permettendo al paese di raddoppiare la spesa pro family del doppio rispetto alla media Ocse. La Ministro Novàk avrebbe spiegato che l’odierna tendenza generale mondiale sarebbe orientata verso la sovra-popolazione mentre nel blocco dei paesi UE l’attuale tasso di fertilità non sarebbe in grado neppure di permettere ad alcun paese europeo l’adeguata sostituzione dei cittadini anziani, mettendo il dito nella piaga quando avrebbe affermato che la popolazione UE sarebbe cresciuta solamente grazie alle politiche dell’immigrazione, pertanto l’attuale governance ungherese avrebbe dato una risposta a questa tendenza, andando in completa controtendenza con ovvi risultati tutti da vedere. Stando alla ministro ungherese il sostegno è dovuto solamente alla famiglia tradizionale con mamma e papà per intenderci, dato che la prole avrebbe da sempre la necessità di avere un padre ed una madre ben definiti. Con la politica intrapresa dall’attuale Governo Orban e le politiche famigliari radicate nella costituzione, gli ungheresi sarebbero riusciti a garantire per parecchi anni la protezione futura della famiglia dalle decisioni europee di tendenza che sarebbero completamente “antifamigliari” oltre che da ONG che spesso supportano la stessa tendenza, organizzazioni non governative che potrebbero infiltrarsi nel processo decisionale del paese appartenente al  gruppo di Visegrad e qui avrebbe fatto riferimento al filantropo Soros considerato da Orban un filosofo da contrastare ed un nemico ideologico. Una nuova costituzione quindi in Ungheria entrata in vigore nel 2012 ed approvata dai due terzi del partito di Orban. Uno degli articoli della costituzione afferma che l’Ungheria protegge il matrimonio come unione di uomo e donna. La Novàk per terminare avrebbe annunciato per il prossimo futuro un ancor maggior sostegno alla famiglia. Per quanto riguarda l’economia, sempre in relazione al sostegno famigliare, è bene sapere che l’Ungheria spende il 5 per cento del proprio pil per questi lodevoli scopi ovvero come accennato in precedenza investe il doppio della media OCSE. Se questo è il sovranismo, se questo è il populismo, vorrei dire benvenuto populismo, purtroppo in paesi come il nostro, una nazione ormai dal sangue infettato dai pericolosi virus lanciati a piene mani dal Nuovo Ordine Mondiale di cui l’ Europa a mia modesta opinione è creatrice, difficilmente potrà avvenire un cambio di tendenza, difficilmente potranno crescere gli investimenti pro family, difficilmente ci permetteranno un Governo forte, laborioso e voluto dal popolo, pertanto penso che ancora per parecchio tempo dovremo continuare di questo passo, quindi dovremo adattarci per forza di cose ad essere necessariamente  spettatori obbligati del declino e dell’estinzione inesorabile del popolo italiano secondo i desideri del Nuovo Ordine Mondiale oltre che di un’Europa a mia modesta opinione completamente degradata e sull’orlo del baratro.

Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta piuttosto controverso nelle opinioni, diciamo che in genere è “ fuori dal coro”, fuori dagli schemi tradizionali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here