Visualizzazioni: 5

 ARTICOLO OFFERTO DA OSTERIA AL BIANCHI VIA GASPARO DA SALO’ BRESCIA

TEL 030 292328                                https://www.osteriaalbianchi.it/

La 1000Miglia sta per arrivare; a Brescia tutto è pronto, è terminato l’allestimento del Villaggio 1000Miglia in piazza Vittoria. Anche in viale Venezia è pronto, sono pronti il palco e la passerella di arrivo e di partenza. Ormai la Corsa più bella del mondo potrei affermare sia iniziata. La città è già in fermento, tutti attendono i prossimi giorni con gioia. Questa mattina la conferenza stampa ha svelato il percorso e le nuove città di transito. Per quanto riguarda gli equipaggi quest’edizione 2024 si attesta a circa 500 autoveicoli storici in gara  per la 1000Miglia classica, 118 equipaggi per il Tribute Ferrari, 7 equipaggi per la 1000Miglia Green.

 

 

Le nazionalità dei partecipanti

Le nazionalità dei partecipanti alla corsa edizione 2024 iniziano dall’Italia passando per l’Olanda, USA, Germania, Inghilterra, Belgio, Svizzera, Austria, Francia, Giappone, Lussemburgo, Argentina, Grecia, Messico, Polonia, Svezia, Canada, Spagna, Kazakistan, Filippine, Australia, Repubblica Ceca, Danimarca, Israele, Venezuela, Uruguay, Danimarca, Irlanda, Malta e Macau. Per riassumere come potete notare in questa edizione della Corsa più bella del mondo, la partecipazione è praticamente mondiale. La 1000Miglia in questi ultimi anni è riuscita ad espandersi a livello planetario tramite una serie di strategie mirate, nelle località mondiali più favorevoli come gli USA, la Svizzera, Dubai ed altre stupende gare italiane.

I concorrenti

Fra i concorrenti dell’ edizione 2024 possiamo notare, dalla lista equipaggi, avversari molto temibli, maestri della regolarità. Favorito il “re” della 1000Miglia, il pilota bresciano Andrea Vesco, che ha vinto quattro vittorie consecutive e che gareggerà in coppia con il navigatore di sempre l’amico Savinelli, a bordo della mitica Alfa Romeo 1750 6C SS Spider Zagato contrassegnata con il numero 48. Credo sarà una bella lotta per la vittoria per il fatto che nel tentativo di rubare lo scettro al pilota bresciano, correrà un altro campione venuto da lontano l’argentino Juan Tonconogy in coppia con Barbara Ruffini sempre a bordo di Alfa Romeo 1750 GS Spider Zagato. Ricordiamo che Juan Tonconogy non è un pilota di primo pelo, anzi ha all’attivo alcune vittorie della 1000Miglia molto combattute. Nella recente intervista ad Andrea Vesco si è parlato dell’entrata in scena del campione argentino per questa edizione che dai pronostici penso possa essere un’edizione particolare per il fatto

di presentarsi come una 1000Miglia molto difficile ed entusiasmante. Fra gli italiani avremo il piacere di notare la BMW di Alfonso Facchini vincitore per la seconda volta della Sorrento Roads by 1000Miglia. Un equipaggio italiano molto temibile in grado di poter offrire dei colpi di scena è composto dagli italiani Gianmario Fontanella e Anna Maria Covelli su Lancia Lambda Casaro VII serie del 1927. Una certa attenzione è rivolta anche ad Andrea Luigi Belometti che con il navigatore Gianluca Bergomi che ha collezionato due seconde posizioni e un terzo posto nelle ultime tre edizioni della corsa. Per questa edizione Belometti correrà con un navigatore nuovo: Cristian Ricca su Lancia Lambda Spider Tipo 221 Casaro del 1929. Altri concorrenti molto agguerriti dalle indubbie capacità di stravolgere i risultati si possono vedere in Turelli – Turelli, Aliverti – Valente e Sisti – Gualandi. Per quanto riguarda la vettura numero 1000 sarà pilotata da un bresciano molto famoso a livello nazionale: Blanco, un artista che percorrerà l’ultima parte della gara verso viale Venezia arrivando in pedana d’arrivo a bordo della bellissima vettura Giannini Sport 750 Siluro. Il vincitore del Festival di San Remo 72esima edizione resterà in Piazza Vittoria per le premiazioni.

1000Miglia Charity

La Lamborghini rosa della 1000Miglia Charity vedrà delle pink drivers d’eccezione come Giulia Salemi, Aurora Ramazzotti con Goffredo Cerza, Carmela Generali con Marco Castagna e Nilufar Addati.

Auto a guida autonoma

A bordo della celebre auto a guida autonoma che abbiamo potuto notare lo scorso anno, in questa edizione sarà  completamente elettrica con a bordo Matteo Marzotto. Il Politecnico di Milano che sta sperimentando questo tipo di autovettura ha avuto dal Ministero la licenza per poter percorrere ben 1000 KM usando la guida autonoma sul percorso della 1000Miglia 2024 contro i 50 Km dello scorso anno. Obbiettivo 2024 percorrere quindi l’80 per cento del tracciato a guida robotizzata. L’imprenditore  ed esperto pilota Marzotto sarà bene o male ospite del computer che guiderà la vettura. Marzotto dovrà controllare che tutto proceda per il meglio a bordo della Maserati a guida autonoma.. Ricordiamo che lo zio di Matteo Marzotto, Giannino, vinse la 1000Miglia nel 1953.

Conclusione

Questa 1000Miglia 2023 sarà una gara memorabile che potrebbe regalare una serie colpi di scena dati i piloti agguerriti esperti delle regolarità. Il tracciato di gara sapientemente studiato dal padre di tutti i tracciati 1000Miglia dr. Cherubini, si svolgerà su un percorso di  2200 km a partire dall’11 giugno per tornare al traguardo a Brescia il 15 dello stesso mese. Ad anticipare il convoglio la 1000Miglia Green formata da alcuni equipaggi di veicoli completamente elettrici, mentre in coda avranno spazio le Supercar ed Hypercar iscritte alla 1000Miglia Experience.

Mondooggi

Dal canto nostro tramite i nostri media MONDOOGGI ed AUTOMOBILISMO seguiremo la corsa sull’intero percorso cercando di potervi far vivere questa bellissima avventura dalla freccia rossa. Ad ogni chiusura di tappa manderemo in onda una diretta in cui parleremo di 1000Miglia e di automobilismo. Sono certo che sarete con noi entusiasti come sempre per vivere da casa un bellissimo sogno tutto bresciano.

TEL 030 292328                                 https://www.osteriaalbianchi.it/

Visualizzazioni: 5
Maira Alcantara
Author: Maira Alcantara

free lance generalista, incaricata anche per articoli speciali relativi a settore sport ed automobilismo storico e moderno

0 Condivisioni