ARTICOLO OFFERTO DA HYDRASHINE IMPRESA DI PULIZIE BRESCIA 

TEL 339.1709051                                         http://www.hydrashine.it
Se devo essere sincero ho sempre visto la digitalizzazione come un grande inganno, uno strumento studiato e spinto solamente per il controllo del mondo, anche se coloro che lo hanno studiato ci hanno fatto credere per anni, che la digitalizzazione avrebbe portato ad una semplificazione burocratica ma non solo. La digitalizzazione stando alle folli teorie dei propri realizzatori, avrebbe provocato un calo dell’inquinamento. Una grande menzogna dato che a quanto pare la digitalizzazione, almeno in ambito musicale andrebbe contro corrente, risultando contro ogni previsione più inquinante che mai. Tutto questo lascerebbe riflettere le persone munite di una certa quantità di saggezza, riflettere sul fatto che in fatto di inquinamento e salute del pianeta che ci offre da vivere, non sarebbe affatto come lo dipingono. Tutto sarebbe focalizzato su un preciso obbiettivo commerciale e di dominio totale. Per poter giungere ad esso, i media, mercenari dell’ èlite spinti in guerra da spregiudicati uomini della finanza e del potere, starebbero facendo credere a miliardi di persone che il mondo è in pericolo. Una colossale menzogna a mia opinione, un grande castello di carte destinato a crollare al primo alito di vento. (introduzione di Nicola Migliorini)
Foto di Deepanker Verma da Pixabay

L’industria musicale e la digitalizzazione

Era il 2001 quando Steve Jobs presentò il primo IPod promettendo un dispositivo che potesse contenere “1000 canzoni in tasca”. Sembrò fantascienza all’epoca. Dopo solo 20 anni, tutti noi abbiamo a disposizione una qualsiasi app di streaming che ci permette di avere una libreria di 30 milioni di brani.

“Con milioni di canzoni in streaming, si torna ad ascoltare sempre quelle che si amavano da ragazzini”

https://www.prontobolletta.it/news/inquinamento-musica/

J AX – Piccole Cose (2017)

Il mondo in cui viviamo si sta digitalizzando sempre più. L’arrivo del Covid, infatti, non ha fatto altro che accelerare questo processo per quasi tutte le industrie. Prima fra tutte quella della musica, che già da un paio di anni aveva iniziato questo percorso. Purtroppo però, digitale non significa sostenibile e anche l’industria della musica sta avendo un impatto pesante sull’ambiente. Secondo quanto diffuso da FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), la spinta digitale sulla musica, vista nel 2020, continua anche nel nuovo anno e con essa i ricavi totali del settore: il primo semestre del 2021 registra infatti un +41% nel numero di abbonamenti effettuati e un +34% in termini di volume di mercato della musica registrata.

In particolare, Spotify e Apple Music sono le due piattaforme che stanno dominando il mercato con una quota di abbonati, rispettivamente, del 32% e del 16%. Entrambe queste big acquisiscono continuamente piccole aziende e startup del settore per fare in modo di offrire servizi sempre più completi e personalizzati.

L’impatto della musica sull’ambiente

Numeri da capogiro per l’industria musicale in termini di crescita e sviluppo ma tutto ciò si ripercuote anche sull’ambiente.

Foto di Brett Hondow da Pixabay

“Quindi anche ascoltare la musica inquina?”

Si e anche qui i numeri sono a dir poco impressionanti. Prendiamo come esempio gli Stati Uniti che, da soli, emettono ogni anno una quantità di gas serra dovuta all’intrattenimento che duplica addirittura quanto prodotto da tutto il mondo nei primi anni 2000. Abbiamo ripreso questi numeri grazie ad uno studio effettuato dai due centri universitari di Oslo e Glasgow. Le due università hanno portato a termine una ricerca e indagare sull’effettivo impatto ambientale della musica digitale, ovvero in streaming.

Per capire meglio l’impatto ambientale della musica nel corso della storia possiamo dare uno sguardo all’infografica. Da una parte abbiamo il tipo di tecnologia musicale in un dato periodo storico e dall’altra la relativa quantità di gas emessi ogni anno.

Infografica

I numeri circa l’inquinamento da gas, rispetto ai giorni nostri, sono dovuti ovviamente all’eccessivo consumo energetico dei server. I servizi di streaming, infatti, si appoggiano a potenti server che necessitano di una quantità di energia elettrica enorme. A sua volta, l’energia viene spesso ricavata, come tutti sappiamo, da combustibili fossili che continuano ad inquinare l’aria aumentando l’effetto serra. Di questo passo, si ipotizza che Internet possa arrivare a consumare circa un quinto dell’intera elettricità del mondo nel 2030.

Lo stesso professore universitario del centro di Oslo ha dichiarato:

“Dalla nostra ricerca emerge un quadro estremamente sconcertante quando pensiamo all’energia usata per l’ascolto della musica online. La memorizzazione e l’elaborazione di musica online usa un’enorme quantità di risorse ed energia, e questo ha un fortissimo impatto sull’ambiente”

Foto di Photo Mix da Pixabay

Da un lato, l’evoluzione della musica e della tecnologia hanno permesso di ridurre drasticamente l’uso di materiali difficili da riciclare come plastica, alluminio e policarbonato. Dall’altro, le nuove tecnologie sono le stesse che ci hanno portato a consumare in maniera eccessiva grosse fonti di energia, comportando un inquinamento ambientale sempre maggiore. Insomma, ci sono ancora i nostalgici della qualità sonora del vinile, e chissà che non torneremo a comprare vinili per salvare l’ambiente.

Fonte: prontobolletta

TEL 339.1709051                                       http://www.hydrashine.it

admin
Author: admin

Nicola Migliorini alias ADMIN è Direttore del blog WWW.MONDOOGGI.COM decide cosa e quando pubblicare, è un giornalista con incarico a 360 gradi

2 COMMENTS

  1. Cool blog! Is your theme custom made or did you download it from somewhere? A design like yours with a few simple adjustements would really make my blog jump out. Please let me know where you got your design. Cheers

  2. Merely wanna comment on few general things, The website design and style is perfect, the articles is rattling wonderful. “Art for art’s sake makes no more sense than gin for gin’s sake.” by W. Somerset Maugham.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here