VINITALY: TRADIZIONE ITALIANA di Maira Alcantara

TRAZIONE E CULTURA ITALIANA

0
105
Foto di Aline Ponce da Pixabay

    ARTICOLO OFFERTO DA IMPRESA DI PULIZIE HYDRASHINE BRESCIA

TEL 339.1709051                                           http://www.hydrashine.it

….Se il vino non fosse cosa buona, Gesù Cristo non gli avrebbe dedicato il proprio primo miracolo….

Torna un grande appuntamento con la cultura e la tradizione italiana. Dopo due anni di contingentazione e di austerity a causa della pandemia da Covid ecco tornare la stupenda Fiera Vinitaly dal 10 al 13 Aprile 2022. Riapre i battenti la maggior testimone della cultura vinicola italiana. Il vino italiano nel tempo ha raggiunto livelli davvero incredibili in fatto di qualità. Le difficoltà di questi anni non hanno abbattuto il settore italiano del vino anche se oggettivamente gli accadimenti odierni e l’instabilità da essi derivata, avrebbe creato delle oggettive difficoltà, alla totalità dell’economia nazionale quindi di riflesso anche ai produttori vinicoli. Ultimo il conflitto in atto fra Russia ed Ucraina che avrebbe portato alle sanzioni occidentali verso il paese di Putin, producendo una perdita di fatturato, stimata in circa mezzo miliardo di Euro. Una seconda problematica legata al conflitto

Foto di Vinotecarium da Pixabay

è l’aumento dei carburanti, che avrebbero portato le spese accessorie come i prezzi dei carburanti anche agricoli, i prezzi delle bottiglie, il costo delle capsule, dei tappi di sughero e dell’ etichettatura a prezzi maggiorati, costi che comunque si ripercuoteranno sulla vendita al dettaglio. Comunque sia Vinitaly prosegue sulla propria strada offrendo una grande testimonianza alla cultura vinicola italiana. Una expo internazionale che vede fra i visitatori esperti del settore, estimatori italiani e stranieri oltre che professionisti del vino di ogni genere, che amano il famoso vino italiano. Per quanto oggi il vino italiano sia sempre più apprezzato nei mercati esteri, di contro si riscontra nel mercato interno sempre una certa tendenza al ribasso. Sarà necessaria quindi anche una spinta al mercato italiano del vino, per poter completare il gradimento, anche su un mercato magari meno facile ma certamente appetibile, il mercato nazionale. Ora passeremo a qualche dato economico sempre nel settore vinicolo.

(Statistiche prese dal quotidiano la Verità) Nel 2019 i vini italiani sono stati protagonisti di  49.859.000 ettolitri di vino prodotto. L’anno successivo avrebbe avuto un buon incremento con 51.916.000 ettolitri di produzione. Il 2021 avrebbe visto per forza di cose un calo anche se minimo. La produzione vinicola del 2021 si sarebbe attestata a 49.066.000 ettolitri di vino prodotto in Italia. Nel caso della superficie adibita a vigna e calcolata in ettari, nel 2019 è stata di 629.200 ettari con un incremento nel 2020  con 646.500 ettari ed  un incremento ancor maggiore nel 2021 con 651.100 ettari. Il consumo pro capite annuale di vino nel 2019 si sarebbe attestato a 24,2 litri ogni anno, 24,5 litri/anno per il 2020 e 26,3 Litri/anno per il 2021. Per quanto riguarda le esportazioni di vino in Euro nel 2019 saremmo stati di fronte ad un totale di 6.440.000.000 cui 1.584.000.000 di spumanti, nel 2020 6.316.000.000 cui 1.478.000.000 spumanti e nel 20217.113.000.000 di cui 1.822.000.000 spumanti. Il valore in Euro dei vigneti italiani misurato all’ettaro sarebbe di Euro 53.200 nel 2019, 53.600 Euro nel 2020 e stabile a 53.600 Euro nel 2021.

Foto di Jill Wellington da Pixabay

Un settore quello vinicolo che a conti fatti, rimane in crescita nonostante l’instabilità dei mercati mondiali e le traversie non certo positive e le incertezze economiche che sia stato costretto a subire. Il vino, un prodotto sempre migliore a livello qualitativo, un prodotto testimone di una grande passione, di grande lavoro e di una immensa cultura, quella italiana, tramandata nei secoli ed affinata fino al raggiungimento della immensa qualità e prestigio che i vini italiani posseggono ai nostri giorni. Il vino, un prodotto sempre più apprezzato in un mondo in cui purtroppo, la cultura, la tradizione, l’arte del “buon bere” vengono sempre più minate dall’ “apparente ignoranza” delle istituzioni europee ma dall’altro canto sempre più ricercata ed apprezzata dai tanti appassionati del “buon bere”  e del grande e sano stile di vita tipicamente italiano.

TEL 339.1709051                                         http://www.hydrashine.it

Maira Alcantara
Author: Maira Alcantara

free lance generalista, incaricata anche per articoli speciali relativi a settore sport ed automobilismo storico e moderno

0 Condivisioni