Potremmo essere un esperimento mirato al totalitarismo del Nuovo Ordine Mondiale?

L’esperienza del Coronavirus sulla società potrebbe avere innumerevoli risvolti davvero poco simpatici. Anche in ambito sociale si potrebbero avere nella fase post virale ripercussioni non da poco conto sulla vita e sulle abitudini ma soprattutto sulla libertà del cittadino che in questo periodo si starebbe lentamente abituando a vivere in modo assolutamente anomalo. Questa abitudine è data dalla paura amplificata a dismisura, il profondo timore che delega lo stato a fare tutto quanto desideri con la vita del cittadino purchè in grado di limitare il contagio. Posso essere concorde sul fatto che alcune misure eccezionali e temporanee devono essere prese per forza. Se così non fosse la pandemia probabilmente metterebbe dura prova non solamente il sistema ospedaliero che ha quasi collassato nei periodi di fuoco del virus ma senza le precauzioni di routine la pandemia avrebbe potuto andare fuori controllo, tuttavia è necessario pensare anche ad dopo epidemia ovvero: cosa succederà, come vivremo nel post pandemia? Potremmo essere un esperimento mirato al totalitarismo del Nuovo Ordine Mondiale? Stando a questo articolo preso dal blog http://www.disinformazione.it un media molto al di là della verità ufficiale edito da Marcello Pamio

Potremmo essere un esperimento mirato al totalitarismo del Nuovo Ordine Mondiale?

si riescono a capire i possibili eventuali risvolti che potrebbero ripercuotersi sul periodo posteriore alla pandemia. Oggi possiamo porci un solo interrogativo ed alcuni se lo starebbero chiedendo: Quale sarà il nostro stile di vita quando tutto sarà finito? Per cercare di rispondere a questa domanda che molti ci facciamo cercheremo di spiegare quanto riportato nell’articolo precedentemente annunciato in modo da poter avere un’idea, magari stravagante, magari reale ma un’opinione che come tutte le opinioni potrebbe avere parecchi risvolti reali anche se spero che la nostra libertà quando tutto sarà finito potrà tornare come quella di un tempo. Tuttavia la speranza è l’ultima a morire. Oggi in pratica ci troviamo in una nazione nella quale milioni di persone sono per forza di cose costrette a rimanere chiuse in casa da settimane per contribuire al contenimento della pandemia, un’ epidemia che stando a quanto spiegato nell’articolo starebbe provocando meno morti che altre malattie. Non stiamo parlando in questo caso di persone in quarantena perché malate ma soggetti sani chiusi in casa, un’intera nazione segregata e vorrei aggiungere, in preda alle tv che a mia opinione per terrorizzare un intero popolo ce la starebbero mettendo tutta. Tuttavia la popolazione italiana che può avere molti difetti ma non quello di essere stupida. Evidentemente il cittadino ha intuito che qualcosa di strano, di oscuro, starebbe accadendo, ovvero sotto sotto altri motivi avrebbero spinto alla chiusura totale del paese e del sistema Italia permettendo di farlo cadere in una sorta di dittatura senza precedenti e questo grazie all’ aiuto del Covid-19. Aiutati dalla paura continua, dagli annunci di morte, dal panico in effetti il sistema starebbe facendo in modo di impegnarsi ad un certo ipotetico progetto: cambiare la mente e lo stile di vita degli italiani. Il sistema dice l’articolo desidererebbe un cambio radicale antropologico e spirituale. L’ultima parola però dobbiamo capire che siamo noi ad averla, sta a noi accettare il cambiamento o rifiutarlo. Evidentemente i nostri “leader” vorrebbero regalarci un mondo

Foto di Anemone123 da Pixabay

nuovo fatto di isolamento, mascherine, guanti, paura perenne, un mondo senza alcun colore o sentimento nel quale i bambini siano costretti a studiare da casa con l’ausilio del nuovo 5G, tagliando definitivamente le già precarie relazioni sociali a partire dalla tenera età. A mia opinione vorrebbero crearci un mondo fittizio degno di un film di fantascienza, nel quale miliardi di soggetti vengano tracciati da una particolare app installata sul telefono o con l’ausilio di scanner termici, telecamere con riconoscimento facciale quindi possano venire subito identificate e tutto quanto grazie alla tecnologia 5G. In effetti starebbero già dicendo che il virus potrebbe tornare in autunno. Il futuro purtroppo ci potrebbe imporre uno stato di polizia, un sistema assolutamente orwelliano dove i tutori dell’ordine, i militari muniti di droni saranno in grado di monitorare cieli e terra, strade e mari per far rispettare le quarantene o mandare il cittadino in tale situazione al primo colpo di tosse, ma dopo? Dopo per mettere le basi del controllo totale che già da parecchio tempo abbiamo previsto e per il quale invano mettiamo in guardia da anni le persone per una possibile prossima venuta di uno stato pseudo dittatoriale. A questo punto vi chiedo di iniziare a riflettere, a pensare se questo è il mondo nel quale desideriamo vivere e nel quale dovranno vivere le prossime generazione le quali vivranno certamente in un mondo ancor più controllato dato che il complotto per il controllo aumenterà sempre più. Vogliamo vivere

Foto di Niek Verlaan da Pixabay

in un mondo nel quale il cittadino non in possesso del libretto vaccinale e dell’attestato di negatività al Covid non possa andare dove desidera e magari neppure lavorare? Attenzione non prendete sottogamba questa ipotesi perché credo proprio che sarà quello che stanno cercando di fare. In preda all’ansia avverte l’articolo di “disinformazione” il mondo è destinato ad estinguersi. Un fatto positivo è che la gente oggi non sia tutta ancora anestetizzata mentalmente e spiritualmente ed in alcuni paesi i cittadini avrebbero iniziato a scendere in piazza per protestare a gran voce per far capire al sistema che ormai sanno tutto e la magia degli “illusionisti” ormai non è più degna di fede.

Da www.disinformazione.it: Dalla Francia alla Germania passando per l’America. Negli States per esempio migliaia tra automobili, camion e veicoli commerciali si sono uniti nella protesta chiamata “#OperationGridlock”, organizzata da un gruppo conservatore chiamato Michigan Conservative Coalition Wednesday. Lo scopo della manifestazione era bloccare le strade di Lansing, capitale dello Stato del Michigan andando contro l’ordine “Stay Home” della quarantena del coronavirus. “Siamo tutti preoccupati per chi è affetto da Covid-19. Si, molti dei comportamenti che ci hanno ricordato di usare sono buone pratiche: lavati le mani, copriti la bocca in caso di tosse e restare a casa se sei malato”, si legge in un post sul sito web del gruppo. “Detto questo Michiganders è stufo!” (ndt “michiganders” sono demoni per i nativi dello Stato del Michigan).Migliaia di persone provenienti da tutto lo Stato si sono dirette nel Municipio per protestare contro il restrittivo ordine del governatore di “rimanere a casa” e hanno fatto sentire la loro voce e le trombe delle macchine.

Molte persone in varie parti del mondo oggi stanno manifestando il proprio disappunto sul cambiamento del mondo che il NWO starebbe iniziando a proporci con la forza della paura. Tantissime persone oggi starebbero facendo sentire il proprio malumore tuttavia mi chiedo: cosa potrà succedere al momento in cui la perseveranza del sistema supererà il limite della sopportazione umana? A mia opinione il nuovo mondo voluto dal NWO porterà a delle feroci rivolte che saranno per forza sedate con la forza dal regime portando di conseguenza ad un disordine, un caos mondiale e totale senza precedenti, una situazione talmente caotica da far ricordare il trambusto del Coronavirus come una bazzecola.

Goldfinger
Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta piuttosto controverso nelle opinioni, diciamo che in genere è “ fuori dal coro”, fuori dagli schemi tradizionali

17 Condivisioni