IL NOBEL MONTAGNIER CONQUISTA L’ITALIA di Goldfinger

I NON INOCULATI SALVERANNO L'UMANITA'

0
746
Foto Bruno Siciliano

Milano ieri è stata una città privilegiata. Un grande privilegio aver ospitato un luminare della scienza: il premio Nobel Luc Montagnier invitato da Gianluca Paragone. L’anziano scienziato parla del virus spiegando un intreccio fra virus e batteri. Il luminare ascoltato da una folla di decine di migliaia di persone in seguito si esprimerà anche sui vaccini. Lo scienziato spiega le ragioni della propria riluttanza a questo farmaco sperimentale. Il dottor Montagner offe una spiegazione di massima del Covid, si esprime sui vaccini ma alla domanda del dopo pandemia sostiene che il futuro dipenderà dalle persone non vaccinate.

Foto Bruno Siciliano

Il futuro resterà nelle mani di coloro, che a suo parere salveranno l’umanità, i non vaccinati, per il motivo che questi soggetti potranno salvare i vaccinati che al contrario avranno parecchie ripercussioni sul piano della salute confronto ai non inoculati. Montagnier ricorda che sarebbe sempre opportuno lasciare parlare la scienza evitando di ascoltare coloro che non avessero il diritto di parlare. La salvezza quindi afferma lo studioso, verrà dalla scienza che studierà la popolazione vaccinata per capire cosa accadrà in futuro all’umanità  vedi video . I non inoculati (sostiene lo scienziato) potranno essere la salvezza del genere umano. Il Professore dichiara che inizialmente Big Pharma fu molto interessata ai vaccini per una pura visione economica. Tuttavia ora il fattore economico li ha sorpassati e dobbiamo quindi tornare a rispettare la verità. Spesso si dice che non c’è resistenza e che la gente stia subendo di tutto. Due banchieri Macron e Draghi si dice farebbero il gioco delle multinazionali? Il Professore alla domanda risponde che ci si deve svegliare perchè due persone non sono abbastanza per condizionare il volere di un popolo. Volontà e potere sostiene il Professore, da sempre appartengono del popolo.  Dopotutto Montagnier è francese e questo particolare la dice lunga in fatto di pensiero democratico. Alla domanda di cosa potrebbe accadere alle migliaia di vaccinati il Professore risponde sia necessario seguire attentamente la situazione clinica dei vaccinati delle prime tre dosi. Attualmente ci sarebbero in programma importanti ricerche in merito a problematiche che i vaccinati potrebbero subire a carico del cervello. E’ necessario sopprimere la nebbia delle news scientifiche ma errate che sino ad oggi è stata protagonista di questo oscuro periodo. Lo scienziato francese prosegue con le risposte alle domande più significative in merito al “vaccino” ed allo stesso virus.

Foto Bruno Siciliano

Naturalmente i media asserviti al potere avrebbero iniziato l’azione demolitrice della manifestazione vedi video affermando oltrettutto una presenza di sole mille persone anche se il nostro inviato sostiene fossero di più almeno qualche migliaio a prima vista. Dopotutto cosa aspettarsi da un sistema che “santifica i demoni e demonizza i santi”? E’ sufficiente guardare il video Youtube, per rendersi conto dell’importanza e della grandezza della manifestazione. Detto questo credo sia necessario iniziare a comprendere il mondo odierno, un mondo altamente condizionato dai mass media, in grado di creare forme mentali anche errate a milioni di persone, raggiunte con la TV in un solo colpo. Nel nostro caso sarebbe necessario iniziare a capire anche la nazione nella quale viviamo ed i “nani della politica” che la dirigono sia a livello italiano che europeo. Solamente in questo modo potremo riuscire a capire la realtà degli accadimenti odierni. E’ necessario cercare di cambiare abitudini e pensiero. Oggi è urgente iniziare ad informarsi anche con l’aiuto dei canali controcorrente. Per poter discernere nel dedalo delle notizie talvolta contrastanti, così facendo, riusciremo magari ad avvicinarci alla realtà, forse una realtà amara ma reale. Come dice un vecchio adagio “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio”. Credo che oggi siamo di fronte ad un importantissimo momento nel quale staremmo assistendo all’obbligato scontro fra due mondi, il mondo vecchio e corrotto che ormai ha toccato il fondo, ed il mondo nuovo che necessariamente dovrà essere il protagonista del futuro. Penso che ormai il castello di carte creato dal  vecchio mondo altro non sia che un “castello” pieno di crepe che starebbe crollando giorno dopo giorno, all’ incalzare della forza del nuovo mondo. Il vecchio mondo, a mio parere, dovrà necessariamente morire per dare spazio alla nascita di un nuovo mondo che alla morte del vecchio inizierà a sbocciare come fiori in primavera, regalando all’umanità il passaggio ad una nuova e positiva era. Le sfide comunque credo non siano ancora finite. La belva maligna che oggi metterebbe a dura prova l’umanità, tramite i propri servi, avrebbe ancora alcune carte da giocare. Una carta ancor più subdola del Covid sarà il GREEN. Per arrivare a questo avrebbe iniziato anni or sono, ad inoculare nella società il pericoloso “virus” del nichilismo ai presunti danni del pianeta. Anche in questo caso si tratterebbe a mia opinione di un falso problema destinato al controllo totale dell’ umanità. Se il genere umano saprà resistere a queste sfide forse potrà sperare in un nuovo e positivo mondo, un mondo ancorato ai vecchi pilastri culturali cristiani che porteranno di certo ad un nuovo splendore. Si dice che Dio aiuti gli audaci.

Foto Bruno Siciliano

E’ la verità. Per poter cambiare il mondo e permettere il trionfo del bene, Dio ha bisogno dell’azione umana, dopotutto tramite il libero arbitrio, ogni persona può decidere che strada prendere. Detto questo mi auguro che l’umanità possa beneficiare di un ritorno del libero pensiero, uscendo finalmente da quell’ ipnosi creata nel corso degli anni tramite i media mainstream spesso asserviti alla malvagità, al potere ed alle èlite che nel nascondimento spadroneggiano nel mondo.


Goldfinger
Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta piuttosto controverso nelle opinioni, diciamo che in genere è “ fuori dal coro”, fuori dagli schemi tradizionali

18 Condivisioni