ARTICOLO OFFERTO DA ARTEORO GIOIELLI ARTIGIANALI MONTICHIARI BRESCIA  TEL 329.8631986

Contrariamente ad altri media non ci accontentiamo di descrivere i fatti anche se i fatti non ci bastano I fatti non bastano. I fatti sono accadimenti ed i genere se ne subiscono passivamente le conseguenze. Noi cerchiamo di capire, ricercare, sentire più voci. Per tentare di comprendere quanto starebbe accadendo oggi abbiamo intervistato un secondo medico. Si tratta di un dottore di Perugia: il Dottor Massimo Melelli Roia. In questa intervista il medico ci spiegherà le proprie opinioni in merito al 5G. Perché proprio il Dottor Massimo Melelli Roia? Per il fatto che il medico perugino avrebbe approfondito, da medico, il discorso del 5G. Non saranno solamente opinioni quelle che il dottore vi spiegherà ma quanto affermerà è frutto di ricerca e di esperienza. Una grande esperienza che in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, ci può permettere ancora una volta, di capire i risvolti degli accadimenti senza subirli in maniera passiva ma di affrontarli in modo attivo. Dopo questa breve introduzione darei la parole al Dottor Massimo Melelli Roia.

Foto di Ria Sopala da Pixabay

Dottor Melelli Roia: cosa pensa del periodo che stiamo con fatica affrontando? Si tratta certamente di un momento molto difficile per l’umanità. Dico per l’umanità per il fatto che non si tratta di Italia ma di umanità nella propria totalità. Per quanto riguarda l’Italia saremmo di fronte ad  un banco di prova ma anche di fronte ad una diseducazione al ragionamento che prosegue da anni e che per forza di cose porta ad un’ accettazione della “verità ufficiale”. Oggi i più riescono a capire che tutto sia ormai globalizzato. Da quanto tempo si parla di globalizzazione? Da parecchi anni. Questo è un progetto che va molto indietro nel tempo. Sarebbe necessario comprendere il fatto che i potenti, coloro che “tirano le redini” del sistema per intenderci, non hanno a cuore la salute delle persone, come pure i politici asserviti al sistema, che subiscono a mio parere le interferenze di qualcuno più in alto.

Come vede il futuro in relazione agli accadimenti odierni?
Preferirei un futuro diverso. Non è certo entusiasmante pensare che il futuro che ci attende sia dominato dalla robotizzazione.

Foto di mollyroselee da Pixabay

Robotizzazione? Certamente. L’intelligenza artificiale è la base della robotizzazione. Nel futuro i robot, le macchine, svolgeranno la maggior parte dei compiti sia nel settore produttivo che nei servizi. Visto da un certo punto di vista potrebbe sembrare un risvolto positivo, dato che le macchine faranno tutto, ma non lo è affatto. Chiediamoci una cosa: a cosa servono quasi  sette  miliardi di persone  se non lavoreranno più? Tutte queste persone per i registi del Nuovo Ordine Mondiale non sono altro che superflue o per meglio intenderci con una nota frase da loro coniata “mangiatori inutili”. Le moltitudini di persone che popolano attualmente la superficie terrestre non serviranno più a nulla per quanto riguarda la produttività, quindi inizialmente dovranno essere sostenute da sussidi di stato, tuttavia gli ammortizzatori sociali non si potranno elargire in eterno.

Lei se ben ricordo ebbe in passato contatti con l’ URSS sempre in merito alla sua professione di medico. Esatto. Sarebbe un errore pensare all’ URSS come una potenza secondaria al blocco occidentale. Parlando del settore scientifico la Russia (ex URSS) a mio parere avrebbe avuto qualche  punto in più dell’ America di allora, in quanto l’ex URSS non sarebbe stata condizionata dal concetto capitalista esasperato, tipico del blocco occidentale. Personalmente non è che sia contrario a questo sistema, tuttavia penso che quando un sistema venga esasperato possa  in qualche modo divenire dannoso. Proprio in URSS un tentennio fa, alcuni scienziati sovietici, mi spiegarono che, stando ai propri studi la sopravvivenza umana  sarebbe durata al massimo 12 generazioni.

Foto di caeuje da Pixabay

Cosa ne pensa del 5G? Il 5G non è altro che una tappa di passaggio iniziata con il 2G, 3G, 4G, 5G e  via dicendo. Il 5G richiede un adattamento epocale, una copertura molto forte dovuta da antenne 5G sparse in tutto il territorio. Ho studiato assieme a mio figlio il 5G prendendo notizie da importanti fonti russe ma anche americane. Non è un caso se il Senatore Kennedy abbia espresso parecchi dubbi sull’influsso del 5G sulla salute umana. Intendiamoci, il 5G non è dannoso solamente all’aperto, ma anche se si stesse chiusi in casa. Le energie negative del 5G passano i muri e sono invisibili. Oggi le minacce alla salute umana sono invisibili. Siamo di fronte ad un virus invisibile, siamo di fronte alle energie negative del 5G anche in questo caso invisibili. Esistono soggetti “elettrosensibili” ovvero per capirci meglio, si tratta di quelle persone che in presenza di onde trasmittenti si sentono male. Queste persone possiamo definirle sentinelle, loro sono le prime a sentirsi male ma non pensate che i soggetti non affetti da elettrosensibilità  siano refrattari a queste onde. A causa del 5G saremo di fronte ad onde di 60 Volt per metro, una cosa allucinante se si considera il fatto che per salvaguardare la salute umana il Consiglio d’Europa (basandosi su studi internazionali di alto livello) consiglia di attenersi allo 0,2 Volt per metro. In Italia prima del 5G eravamo in presenza di onde a 6 Volt al metro. Possiamo dire quindi che l’Italia fosse su una linea piuttosto buona. Ora tutto cambierà ma in peggio. Con il 5G dovremo subire un bombardamento continuo di onde ad una potenza e frequenza dannosa per la salute umana. Credo che se sottoposti ad un bombardamento continuo a livelli di questo genere si vada inesorabilmente verso l’estinzione. Non sono solamente io a sostenere questa tesi, a dubitare del 5G e di conseguenza a mettere in guardia sui pericoli di questo sistema: anche il Senatore Kennedy. La Corte Suprema americana diede ragione al Senatore in merito alle proprie perplessità sulla mancanza di controlli e di dati seri dal 1996, sull’impatto ambientale e sulla salute umana in particolare di queste frequenze. Credo che oggi ci troviamo in una situazione davvero grave sulla quale sul piatto della bilancia pesino grandi interessi, tanto grandi da mettere in secondo piano la salute dell’uomo. Soprattutto nel dopoguerra il mondo occidentale ha subito un’evoluzione tecnologica incredibile nel settore delle telecomunicazioni, ma senza misure di sicurezza. Penso valga la pena di documentarci e quindi di proteggerci. Siamo di fronte ad un Governo che dovrebbe vigilare sugli effetti della tecnologia e sulla salute del proprio popolo ma non lo fa assolutamente. Alcune aziende della telecomunicazione messe alle strette hanno dichiarato di non aver speso denaro per la sicurezza e questo la dice lunga. Sia URSS che USA anni fa arrivarono ad una conclusione: le onde per la telecomunicazione fanno male alla salute dell’uomo tuttavia il blocco sovietico impose dei “paletti” 100 volte inferiori a quelli del blocco occidentale guidato dall’America.

Quindi oggi saremmo in un periodo di grande confusione? Certamente. Il caos oggi è predominante. Pensate solamente al discorso dell’omeopatia ed alla realizzazione di farmaci derivati dall’omeopatia con molecole brevettabili ma assolutamente naturali. Un sistema che promise grandi benefici nelle cure ed effetti collaterali davvero minimi.  I Rockefeller  si sono sempre adoperati per affossare affossare questi sistemi a vantaggio della medicina di laboratorio.

Foto di Marcel Gnauk da Pixabay

Cosa pensa in merito alla teoria sull’eliminazione della razza umana, caposaldo di certi salotti del potere? Ritorniamo alla domanda precedente sull’ utilità dei “mangiatori inutili”. Credo non sia solo una teoria ma una triste realtà. In questo caso il progetto penso punterebbe all’ eliminazione massiva dell’ umanità  che deve avvenire entro un determinato tempo, con la formazione di due classi sociali: padroni e schiavi. La tendenza a questo sistema che prevede anche l’indottrinamento delle masse, lo vediamo nelle pieghe della quotidianità sempre a patto di saperne scorgere i particolari. In campo cinematografico siamo in presenza di continui messaggi subliminali, in campo discografico siamo in presenza di musica che spesso crea disarmonia. Tutto questo è indottrinamento allo stato puro. In questo caso si agisce sull’inconscio umano per plasmarne la mentalità per arrivare di conseguenza al caos.

Per quanto riguarda i cambiamenti climatici? Forse è vero che essendo in troppi sulla Terra contribuiamo alla distruzione del pianeta….
Pensiamo solamente ad un progetto molto particolare chiamato progetto HAARP . Un progetto approvato dall’allora Presidente Reagan. In questo caso agendo sulla ionosfera tramite onde a bassa frequenza sarebbe possibile deformare la ionosfera stessa e provocare allagamenti localizzati oppure forti siccità. Si parla anche della possibilità di provocare terremoti. Oggi la antenne per la produzione di onde a bassa frequenza sarebbero presenti un po’ in tutto il mondo, anche in Sicilia. Non è più solamente un particolare dell’ Alaska. Tutto mi riporta a Tesla, quel genio del 900 che avrebbe voluto regalare il benessere e l’energia gratuita a tutti i popoli del mondo. Guarda caso morì in modo misterioso ed i progetti del geniale inventore sparirono misteriosamente. Forse se Tesla fosse riuscito nel proprio generoso ed incredibile progetto saremmo di fronte ad un sistema davvero differente. Purtroppo i progetti di Tesla caddero evidentemente in mani sbagliate.

So che lei è un esperto della medicina alternativa… Si, sono un medico legato anche alla medicina alternativa che ritengo essere molto importante per la salute. Una delle mie cure è il  digiuno. Ho studiato, ricercato molto su questa pratica descritta anche dalle grandi religioni. C’è un motivo se le religioni lo raccomandano. Esse punterebbero sempre  al benessere dell’uomo quindi va da se che il digiuno sia utile.

Foto di caeuje da Pixabay

Come funzionerebbe questa pratica? Potrebbe aiutarci oggi? L’aiuto del digiuno è sempre attuale, oggi è più che mai necessario.  Ricordiamoci che in natura l’animale digiuna: non mangia quando in pericolo di vita. Con il digiuno si bruciano i grassi e le tossine in essi contenute. Oggi con l’inquinamento che siamo costretti a subire smaltire le tossine è importantissimo. Da studi Americani e Sovietici questa pratica è benefica fisicamente ma anche psichicamente. Si pensi solo al fatto che i grandi asceti della storia praticavano il digiuno. Un soggetto di 65 KG ha la possibilità di resistere in assenza di cibo ben 87 giorni consecutivi. Ora: non è necessario restare in assenza di cibo 87 giorni consecutivi tuttavia credo che il digiuno di un giorno intero alla settimana possa essere una soluzione ottimale, magari legato ad una cura naturale disintossicante. Un esempio: Lunedì digiuno ovvero niente colazione, niente pranzo, niente cena, idratazione buona con acqua o tisane poi, il giorno successivo si ritorna alla vita di sempre. Calcolando un giorno di digiuno settimanale significa quasi 50 giorni di digiuno l’anno. I metalli pesanti presenti da sempre in tutti i vaccini perché necessari a preservarli dalle contaminazioni fungine, non vengono rimossi naturalmente perché possono essere smaltiti con una terapia chelante affiancata e potenziata dal digiuno. Non abbiamo ancora conferme di laboratorio che il digiuno possa svolgere “questo lavoro” da solo. Il digiuno non provoca danni, anzi permette di rimanere in salute. Da studi scientifici il digiuno unito per esempio  alla chemioterapia ha più validità: si abbassano gli zuccheri (di cui il tumore si nutre) e quindi il tumore va in difficoltà. Nel 1991 fu fatto a Roma un congresso a Montecitorio allo scopo di promuovere una legge che portava il digiuno in tutti gli ospedali d’Italia. La legge non approdò mai alle camere mentre era Ministro della Salute De Lorenzo, che finì in galera come tutti ben sappiamo. Le radiazioni elettromagnetiche provocheranno per forza di cose un aumento dei radicali liberi che tramite il digiuno, saranno smaltiti. Sempre il digiuno permette di disintossicarsi da Glifosato, formaldeide e tanto altro, un vero e proprio reset positivo del nostro organismo.

Per coloro che desiderassero iniziare il digiuno settimanale, potrebbero incontrare problematiche legate all’assenza di cibo?
In genere no. Qualche volta all’inizio potrebbe giungere un leggero mal di testa oppure una certa fiacchezza, leggera perdita della forza, ma poi ci si abitua e questi sintomi non si faranno più sentire, anzi, il soggetto avvertirà nel tempo  il beneficio, la necessità, del digiuno settimanale.

DOTTOR MELELLI ROIA  TEL 075.5009032  WEBSYTE:  https://www.acupuncturefasting.com/

Nicola Migliorini
Author: Nicola Migliorini

Nicola Migliorini è Direttore Responsabile del media www.mondooggi.com è un giornalista generalista con incarico a 360 gradi.

7 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here