URSS ED UE LE ANALOGIE INTUITE DA BUKOVSKIJ di Goldfinger

EUROPA DITTATURA ELEGANTE

0
226

ARTICOLO OFFERTO DA LA FINITURA DI BANCALE VIA RONCAGLIE PIAN CAMUNO BRESCIA TEL 348.0047806

Abbiamo sempre visto l’ Unione Europea con un certo sospetto, come una nazione  falsamente democratica e debbo dire che dopo aver letto questo approfondimento dal blog “Lo straniero” del giornalista Antonio Socci www.antoniosocci.com che spiega come sempre più la URSS e la UE siano due entità non proprio distinte, anzi, molto simili fra loro, analoghe in parecchi aspetti, gli approfondimenti dell’articolo confermerebbero i miei sospetti. Detto questo cercheremo di capire dove sono le analogie di queste due entità che oserei apostrofare come “bestie”. Perché bestie? Non che voglia essere offensivo con la storica potenza URSS ne tantomeno con l’attuale UE il fatto è che analizzando le sacre scritture scopro che di due “bestie” una rossa ed una bianca, la rossa che poi venne ferita a morte ma fu seguita dalla nascita della seconda bestia, quella bianca che in realtà fu peggiore della prima. Per questo oserei paragonare la bestia rossa all’ ex Unione Sovietica poi morta sotto il peso del proprio essere e la seconda bestia, quella bianca, la paragonerei all’attuale Unione Europea. Come scrisse il celebre giornalista Antonio Socci è veramente enigmatico comprendere i motivi per i quali l’umanità occidentale dopo aver lottato per l’ annientamento dell’ ex URSS, oggi abbia deciso di riproporre un modello di stato o meglio una sorta di “mostro” assai somigliante al primo quando decise di fondare l’Unione Europea. Francamente penso che l’ URSS non sia stata annientata da mani umane e forse per questo l’umanità evidentemente non ha ancora imparato i valori della libertà ed i valori della democrazia, valori che sono la basi per la civiltà ed il benessere. Uno dei primi uomini “illuminati” a riconoscere le analogie fra URSS ed UE fu proprio un dissidente dell’ ex URSS Vladimir Bukovskij un personaggio che possiamo dire fosse un esperto in fatto di URSS, una persona definita dal NY Times niente meno che “un eroe di grandezza quasi leggendaria”, un personaggio dal coraggio di un grande cavaliere per aver osato combattere il grande mostro del totalitarismo sovietico, un grande eroe che ci avrebbe purtroppo lasciato recentemente. Comunque sia proprio per la propria preparazione in merito al nemico giurato da lui sempre combattuto è stato uno dei primi a riconoscere il fatto che l’ex impero sovietico abbia parecchie analogie con l’attuale UE. L’ esperienza di Bukovskij in fatto di Urss deriverebbe dal fatto di averla da sempre combattuta fino al punto di essere anche stato arrestato e di aver organizzato anche manifestazioni in difesa dei dissidenti perseguitati dall’impero comunista sovietico. Nel 1971 il dissidente portò alla luce l’esistenza in URSS di ospedali psichiatrici mirati ai dissidenti utilizzati a danno degli stessi dal regime rosso quindi Bukovskij venne di nuovo arrestato e condannato a sette anni più cinque di esilio. Nel 1976 il dissidente ricevette l’espulsione dalla Russia ed andò a vivere nel regno di Sua Maestà Britannica. Bukovskij però data la propria esperienza in fatto di comunismo sovietico immediatamente intravide una serie di analogie fra URSS ed UE e subito cercò di metterle in luce calamitando ancora una volta una certa stizza per il paragone, tanto che restò inascoltato dai media che talvolta sono a mia opinione “servi del padrone”. Arrivati a questo punto cercheremo di elencare le analogie fra URSS ed UE che il lungimirante dissidente portò alla luce:

URSS: ai tempi dell’impero sovietico l’URSS fu governata da un gruppo di 15 persone non elette che però si attribuirono gli incarichi vicendevolmente senza mai dover rispondere a nessuno

UE: l’ Unione Europea attualmente è governata da 24 persone non elette che si dividono gli incarichi senza dover rispondere a nessuno, persone che in questo caso non conosciamo e fra l’altro non possono essere rimosse da alcuno.

URSS: l’URSS ebbe un parlamento il cosiddetto Soviet Supremo, un’ entità che serviva per timbrare le decisioni prese dal Politburo.

UE: una similitudine al Parlamento URSS lo avrebbe oggi il Parlamento UE, I burocrati dell’ attuale Unione Europea sono super pagati e passano da una posizione all’altra senza dover render conto a nessuno di eventuali successi o da eventuali risultati ottenuti.

URSS: nell’ ex URSS il regime imponeva il proprio volere con la forza, la repressione, l’URSS nei rapporti con i paesi del patto di Varsavia usava la forza militare per riuscire ad ottenere quanto desiderava.

UE: l’Unione Europea non usa la repressione come invece accadeva nell’ URSS ma usa la forza economica, anzi oserei dire la prepotenza economica per ottenere i risultati desiderati quindi il potere per arrivare dove vuole comportandosi a mia opinione come uno spregiudicato faccendiere.

URSS: l’ex impero rosso si proponeva l’obbiettivo di creare una nuova entità storica, un popolo solo, unico formato da vari paesi ma tutti uguali privati di ogni sovranismo, di identità nazionale, privati di tradizioni se non quelle imposte dal regime.

UE: la UE vorrebbe piegare i propri stati membri annientando in essi ogni forma di sovranismo, ogni forma di tradizione, ogni forma di identità nazionale svuotandoli per poi colmarli con un’identità imposta dagli euroburocrati.

URSS: l’ex impero sovietico limitava assolutamente la libertà di pensiero del proprio popolo, come avviene normalmente nei paesi nei quali vige una dittatura.

UE: l’attuale Unione Europea non è tanto distante dall’ URSS in quanto propone una sorta di “gulag intellettuale” meglio conosciuto come “politicamente corretto” o “politically correct” pertanto ogni persona è invitata a mantenersi su questa linea. Questo particolare si attesterebbe come un fatto assai grave dato che denoterebbe una sorta di perdita della libertà di pensiero e di opinione. Colui che non si mantenesse sul binario del politicamente corretto verrebbe automaticamente ostracizzato e questo lo possiamo notare tutti i giorni.

URSS: nell’ URSS usavano comunicare con il popolo spacciando il concetto che fosse necessario uno stato federale per poter evitare le guerre

UE: in UE avviene la stessa cosa, questa ideologia del federalismo creato per evitare le guerre è alla base della UE e servirebbe per sorreggere anche in questo caso come fu per l’URSS il sistema bacato dell’Unione.

URSS: un sistema basato su principi imperialisti e dittatoriali è collassato con il passare del tempo lasciando una lunga scia di disperazione e problemi grossissimi che l’umanità starebbe ancora dopo tanti anni cercando di colmare

UE: secondo il dissidente ma anche a mia modesta opinione la UE è destinata in futuro a collassare infettando il mondo con i propri errori, lasciando al mondo futuro una grande quantità di problemi sociali, etnici ed economici.

URSS: (questo non lo disse il dissidente Bukovskij ma l’ analogia la vedo io). Il rapporto con la moralità ed il divino: la la fede cristiana fu messa alla sbarra dal comunismo ateo sovietico e venne creata una sorta di mondo senza Dio, un mondo sorretto su basi prettamente umano centriche fragilissime: un gigante dai piedi d’argilla.

UE: l’attuale sistema UE starebbe cercando di creare nel nuovo umanesimo che si propone una sorta di mondo senza Dio rifiutandolo e facendo precipitare il proprio popolo in un’ apostasia sempre maggiore creando anche in questo caso una sorta di gigante dai piedi d’argilla destinato nel lungo periodo a crollare essendo fondato su basi molto fragili. La cittadinanza europea è “costretta” ad assimilare valori a mia opinione discutibili ben lontani dai valori morali che hanno protetto e condotto fino ad oggi la nostra civiltà occidentale.

Il dissidente russo esortava la popolazione europea a riprendersi la perduta indipendenza, un’indipendenza tolta con la forza e con l’astuzia mettendo attorno al collo dei cittadini ( soprattutto ai cittadini italiani) una sorta di cappio formato da decisioni prese a tavolino dai tecnocrati UE che oggi vorrebbero demonizzare coloro che cercano di far riflettere su quanto ci aspetta restando ancorati al sistema accusando queste “cassandre” di populismo, di sovranismo come se colui che parla fosse un pericolo per tutta la comunità dato che potrebbe portare a pericolose turbolenze dei mercati.
1952 (Jean Monnet) esponente di spicco della tecnocrazia francese e tedesca scrisse la frase che conclude l’articolo che riassumerebbe il concetto dell’ attuale “dittatura” europeista, una dittatura che non è esposta alla luce del sole ma nascosta fra le pieghe del DNA dell’ attuale Unione Europea.

“Le nazioni europee dovrebbero essere guidate verso un super stato senza che le loro popolazioni si accorgano di quanto stia accadendo. Tale obbiettivo potrà essere raggiunto attraverso passi successivi, ognuno dei quali nascosto sotto una veste ed una finalità meramente economica”.

Goldfinger
Author: Goldfinger

Goldfinger è un giornalista specializzato in misteri, opinioni politiche, religione, etica e società ha uno stile talvolta piuttosto controverso nelle opinioni, diciamo che in genere è “ fuori dal coro”, fuori dagli schemi tradizionali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here